Formel 1 Historie

Formel 1 Historie Historisches

Die frühen Jahre der. Historisches. Ergebnisse und Statistiken aus der. Formel 1 seit Willkommen in unserer umfangreichen FormelDatenbank. Hier finden Sie alle wichtigen. Hier findest du spannende und interessante Berichte über die Formel 1 Geschichte. Historische Bilder und Storys rund um die F1 History. Dazu erwarten dich. Die FormelWeltmeisterschaft - offizieller Titel: FIA Formula One World Championsship - umgangssprachlich auch kurz „Formel-1“ genannt, gilt. Die FormelDatenbank bietet Dir unzählige FormelStatistiken & Ergebnisse seit der F1-Saison Zudem kannst Du eigene Abfragen erstellen!

Formel 1 Historie

Formel 1: Die wichtigsten Hersteller in der Geschichte. Ferrari ( Rennen): Die Italiener mischten bei 9bisherigen WM-Rennen mit. Die frühen Jahre der. Historisches. Ergebnisse und Statistiken aus der. Formel 1 seit Willkommen in unserer umfangreichen FormelDatenbank. Hier finden Sie alle wichtigen. Formel 1 Historie

The main innovation of this era came in , when the Ferrari T appeared, its transverse gearbox allowing better weight distribution.

Ferrari won the Constructors titles in , , and Lauda took a relatively straightforward first Drivers' title in Despite entering only one car and refusing sponsorship the team finished 4th in the Constructors' Championship.

For , Fittipaldi made the surprising decision to drive for the Brazilian Fittipaldi Automotive team of his brother Wilson , sponsored by Copersucar.

James Hunt, who knew that Hesketh's future was doomed by its lack of sponsorship Lord Hesketh had tried to obtain major backing once he realised Hunt was a likely title contender and that he could no longer afford to run the team out of his own pocket , signed for McLaren.

In Lauda's second successive title seemed inevitable until he crashed on the second lap at the Nürburgring , suffering severe burns as well as lung and blood damage.

He was given the last rites but unbelievably was back in his Ferrari six weeks later. He lost the championship by a single point to James Hunt in heavy rain at the final round at Fuji in Japan when he pitted his car and refused to continue, declaring that the risk was too great and that from now on he would refuse to race under extreme conditions.

The most radical innovation of was the 6-wheeled Tyrrell P The P34 was a good car, often finishing third or fourth and winning the Swedish Grand Prix, but it was not superior to the best 4-wheeled cars.

The incident at Fuji damaged Lauda's relationship with Enzo Ferrari and Lauda officially became the second driver of the Scuderia with Carlos Reutemann as leader.

Lauda signed for Brabham before the end of the championship, having taken the title easily before Enzo Ferrari refused him a car for the end of the season.

His second title was mostly built on regularity and reliability. Despite his conflict with the "Commendatore" and his second driver status Lauda enjoyed immense respect from the Ferrari team, which did its best to give him a good car.

There was in fact a very competitive field that year but no single challenger to the Austrian emerged and points taken away from Ferrari were shared between many teams and drivers.

The purpose of Lotus's experimentation in was revealed with the Lotus 78 , which brought ground effect to Formula One for the first time, using wing-profiled sidepods sealed to the ground by sliding lexan skirts.

Generating radically increased downforce with significantly less drag, [note 4] the Lotus 78s driven by Mario Andretti and Gunnar Nilsson won five Grands Prix in Renault unveiled the second when their RS01 made its first appearance powered by a 1.

Although supercharged engines were successful in the s and the regulations allowing for turbocharged engines had existed for 11 years, no Formula One team had built one, feeling that the fuel consumption and turbo lag boost lag would negate its superior power.

Motor engineer Bernard Dudot , [15] who had observed the turbocharged Offenhauser engines used in Champ Car racing in the US, pushed for this choice.

The entry of Renault also brought Michelin's radial tyres to Formula One. Goodyear, who enjoyed a monopoly before the entry of Michelin , was still using the cross ply design for racing.

Goodyear saw the entry of Michelin as a serious threat and made a notable effort in research and development to develop its own radial tyres.

Tyrrell's season was disastrous because Goodyear was too busy to continue to develop the unique small tyres required by the P Without continuing development, the tyres became less competitive and the six-wheeled concept had to be dropped.

Michelin eventually left F1 after the season. For the new Lotus 79 made a more radical and mature use of the ground effect concept.

Many other teams began experimenting with the technology, but Lotus had a head start and Mario Andretti won the Championship in the "Black Beauty", becoming the first driver to win both the American IndyCar championship and the Formula One title.

The car exploited a loophole in the regulations, but the team, led by Bernie Ecclestone who had recently become president of the Formula One Constructors Association, withdrew the car before it had a chance to be banned after winning its only race with Niki Lauda at the wheel at the Swedish Grand Prix.

Late in the season Ronnie Peterson crashed into the barriers in the first lap at Monza and his Lotus burst into flames.

James Hunt heroically pulled him out of the car and the medical prognosis was initially good but the Swede died the next day because of an embolism.

Hunt would retire after the following season's Monaco Grand Prix. For Ligier , the up-and-coming Williams team and surprisingly Ferrari , despite the handicap of the Flat that obstructed wind tunnels, produced wing-cars designs that were more effective than the Lotus This forced Lotus to hastily introduce the new 80 that overplayed the ground effect concept it was originally intended to run with no drag-inducing wings, merely ground-effect sidepods and never proved competitive.

Renault persisted with the turbo engine, despite frequent breakdowns that resulted in the nickname of the 'Little Yellow Teapot', and finally won for the first time at Dijon in with the RS10 that featured both ground effect and turbo engine.

Turbo engines were complex machines whose layout limited the ground effect 'tunnels' under the car. They were an emerging technology and so they were difficult and expensive to develop and build and make reliable.

It was mostly manufacturer-supported teams, such as Renault, Ferrari and Alfa Romeo which took that route.

In contrast, the cheap, reliable and narrow Ford-Cosworth DFV engine, still used by most teams more than a decade after its introduction, lent itself well to highly efficient ground effect aerodynamics.

The first group supported a strict limitation of ground effect to gain full advantage from their powerful turbos while the other relied on unrestricted ground effect to balance their horsepower deficit.

There were also financial considerations. Faced with large constructors with unrestricted budgets, the smaller constructors wanted a larger share of Formula One's income to remain competitive.

Jody Scheckter took Ferrari's last title for 21 years in , but attention there was already being focused on young Canadian Gilles Villeneuve.

Alan Jones and Keke Rosberg brought success to Frank Williams at last in and , while young Brazilian Nelson Piquet won titles for Brabham team owner Ecclestone in and Patrick Depailler was killed in , probably due to high lateral acceleration causing a black out in Hockenheim's fast Ostkurve.

The double blow struck to Ferrari in , of the death of Gilles Villeneuve and the crippling injury to teammate Didier Pironi only a few weeks later, helped bring this crisis into the spotlight, and helped both sides settle the dispute for the good of the sport.

As in South Africa a generation before, second hand cars from manufacturers like Lotus and Fittipaldi Automotive were the order of the day, although some, such as the March , were built specifically for the series.

The use of carbon fibre composite in place of aluminium honeycomb produced cars that were significantly lighter, yet also far stiffer which improved grip and therefore cornering speed.

The title, won by Piquet for the Brabham team of Bernie Ecclestone, champion of the non-manufacturer teams' rights, was the first-ever won by a turbocharged engine.

Renault had proven in and that turbo-charged engines were a more efficient means of getting more performance from the powertrain with the FIA regulations.

The turbo cars were faster on almost all of the high speed Hockenheim, Österreichring, Monza, Silverstone and high-altitude tracks Interlagos, Kyalami , but by , the turbo cars were fastest just about everywhere.

The season made it obvious to all the competing Formula One teams that turbocharged engines were the way to go if anyone wanted to be competitive in Formula 1.

By , the reliability of the turbo-charged engines had been ironed out and made more reliable, and in , only Tyrrell still struggled on with the old DFV engines.

First fuel consumption and then turbocharger boost were restricted to 4-bar in and 1. By , the turbos were only slightly more powerful than the lighter 3.

The thirsty turbo engines briefly saw refuelling introduced into the sport, but this was banned for With controversy at last left behind, the Formula One teams flourished through the remainder of the s and into the s.

Niki Lauda , coming out of retirement for a hefty sum in , pipped his teammate Alain Prost to the title in by a mere half-point, the closest ever finish in Formula One history.

That half-point in itself was controversial in that it came at the rain-shortened Grand Prix of Monaco, which resulted in half points, too.

Prost won that race, but rookie Ayrton Senna made the stronger impression in his Toleman car, finishing 2nd and rapidly closing on Prost while the young German Stefan Bellof in the inferior non-turbocharged Tyrrell raced from the back of the field to 3rd and might even have taken the win, running faster than both Prost and Senna and with Senna reputed to have terminal suspension damage after an earlier incident even though later that year Tyrrell were disqualified from the championship losing all of their points from both the Drivers' and Constructors' championships.

It was the start of a rivalry between the two men that would continue for nearly a decade. But in the early years, Prost held the advantage, driving for the McLaren team with the Porsche -built TAG turbo engine which took three world titles in a row.

The Honda -powered Williams cars of Nelson Piquet and Nigel Mansell looked untouchable, but too often they took points from each other, allowing McLaren's Prost to stay in touch.

Although Williams easily won the Constructors' Championship that year, it was not until the season-ending Grand Prix of Australia that the Drivers' title was decided, Prost making the most of both Williams drivers tyre problems.

Capacity was increased to 3. Nevertheless, while turbo engines lasted, they dominated, Williams winning easily in , and McLaren returning to form in with the super-team of Prost and Senna winning 15 of 16 races, a record unmatched today.

It was Senna who emerged the victor, claiming the first of his 3 World Titles. In , turbos were banned and new regulations allowing only naturally aspirated engines up to 3.

The dominance of McLaren-Honda continued for the next 3 seasons, Prost winning the title in , Senna in and The V10 and V12 engines produced by the Japanese manufacturer proved to be just as good an engine as the turbo V6 before them, and the V10 was the best engine over the 2 seasons it was used and developed by McLaren and Honda.

The championship was marred however by the fierce rivalry between the two men, culminating in a pair of clashes at the Japanese Grands Prix of and They both dominated Formula One from to , winning 37 of the 48 Grand Prix staged and each scoring almost twice as many points as the third-place driver in those championships.

In Prost 'closed the door' on his overtaking teammate while Senna later freely admitted to deliberately driving into Prost in the race, drawing stiff condemnation from all quarters of Formula One.

Senna, however, was more concerned with the threat and opportunity afforded by the resurgent Williams, now powered by Renault the French giant's innovative engine technology allowed their engines to be level with Honda's engines and designed by aerodynamics genius Adrian Newey which were to dominate Formula One for the next 7 years.

It was more than Renault engines, however, which allowed Williams and later Benetton to dominate Formula One from to In the early s, teams started introducing electronic driver aids, whose use spread rapidly.

Active suspension , pioneered by Lotus in , semi-automatic gearboxes Ferrari in , and traction control Williams in became essential to compete.

Some of these technologies were borrowed from contemporary road cars. Others were primarily developed for the track and later made their way to the showroom.

All enabled cars to reach higher and higher speeds, provided the teams were willing to spend the money. The FIA , due to complaints that technology was determining the outcome of races more than driver skill, banned many such aids in However, many observers felt that the ban on driver aids was a ban in name only as the FIA did not have the technology or the methods to eliminate these features from competition.

Even this controversy did not diminish the pleasure British fans of the sport felt in , when Nigel Mansell finally won the title, after a decade of trying, nor French fans in when Alain Prost took his 4th Championship, both drivers piloting Williams cars.

Lightweight television cameras attached to the cars became common in the early s following an American network TV practise actually pioneered in Australia.

As well as boosting audience figures this also made the sport more attractive to sponsors beyond the traditional cigarette companies. Safety improvements also meant that the major car manufacturers were more inclined to attach themselves to teams on a rolling basis.

Ayrton Senna had moved to Williams to replace Prost, who retired from the sport. McLaren had high hopes for its new Peugeot engine which had been developed through the French marque's Le Mans sportscar racing program which ultimately did not happen and Ferrari were looking to put the tumultuous seasons of behind them with Gerhard Berger and Jean Alesi.

The season was stunning, but for all the wrong reasons. By , the previous death in Formula One was nearly a decade past, that of Elio de Angelis during testing at the Circuit Paul Ricard in The speed of Formula One cars had continuously risen over 8 years, despite turbocharged engines being made illegal, the width of tyres being reduced and driver aids eventually being removed.

There was an "air of invincibility" in Formula One, a belief that the cars were inherently safe and no more drivers would die.

At the San Marino Grand Prix weekend this belief was crushed completely with the serious injuries sustained by Rubens Barrichello in practice and the deaths of Roland Ratzenberger during qualifying and Ayrton Senna in the race on 1 May Not only had two drivers been killed, but one of them was a triple world champion and arguably the best F1 driver at the time.

The FIA reacted swiftly and harshly with major changes to be enforced from that year onwards, and it was the beginning of the FIA's push to increase safety in Formula One.

While significant changes could not be made to cars in , the FIA required all Formula One cars' airboxes to be perforated to reduce their "ram-air" effect, to reduce power.

For the same reason special racing fuels, previously an exotic mixture of benzenes and toluenes, were banned and only those with similar characteristics to everyday unleaded petrol would be permitted.

To reduce downforce, and therefore the cornering speed of the cars, a wooden "plank" was to be fitted beneath the central portion of the chassis, forcing a large section of the floor further away from the track.

This wooden plank remains under F1 cars today. Further, from designs were required to be drawn from a reference plane template , and strict limitations were enforced as to the minimum and maximum tolerances for aspects of the vehicle such as the size of the cockpit opening an idea well known in Champ Car for a decade and of aerodynamic devices, commonly called wings.

Further, maximum engine displacement was reduced from 3. Further changes were mandated as the FIA continued to try to curb the increase in speeds of Formula One cars as the years progressed.

These changes included the increase in size of the cockpit opening to ensure driver egress was easy and to minimise possible side head impacts , introducing grooved tyres to reduce cornering speeds by reducing grip and narrower bodywork this would complicate cooling and also reduce cornering speed , raising and reducing wing sizes and elements cutting aerodynamic downforce, thus reducing cornering speed , and introducing comprehensive checks on stiffness tolerances and measurements to ensure cars conformed completely with the regulations for example, weight tests on wings and bodywork to ensure that they maintained integrity and did not flex to give an aerodynamic advantage in a straight line.

The rapid introduction of all of these new rules and regulations, particularly those introduced in , made the atmosphere even more chaotic for Formula One.

Michael Schumacher had to fight desperately for his first World Drivers' Championship, as his Benetton team found itself in frequent violations of FIA regulations and Schumacher was suspended for two races as a result.

Even his championship-clinching race in Australia was controversial, as he collided with rival Damon Hill son of Graham and ensured himself of the title.

However, by things had settled down somewhat. The downgraded 3-litre formula had no effect of the domination of the Renault V10, and Schumacher took his second Drivers' title, and Benetton their first Constructors' title, with relative ease, defeating the Williams team of Hill and David Coulthard.

The Renault engine which powered both teams was virtually unbeatable, with only Ferrari claiming a single win at the Canadian Grand Prix for Alesi, his only career win.

For , the FIA mandated a much larger minimum size cockpit area, along with driver's head protection, to ensure the driver's head was less exposed ironically, this limited driver visibility and contributed to accidents.

As part of his plan to rebuild Ferrari, Jean Todt brought Michael Schumacher to the team from Benetton that year, essentially in exchange for his drivers Alesi and Berger.

There was an immediate effect, in his first year with the Scuderia Schumacher won three races, more than the team had managed in the previous five years.

Ferrari were not championship contenders though and Damon Hill made a strong run to the title, finally claiming the crown after 3 years of almost but not quite.

This season was much closer than , and Villeneuve only clinched the Drivers' Championship at the final race.

Once again, Michael Schumacher collided with his championship rival at the final race, but unlike events turned against him. Schumacher not only found himself knocked out of the race, but was found to have deliberately tried to run Villeneuve off of the road.

Schumacher was stripped of second place in the Championship and was disgraced. At the end of Renault withdrew from Formula One.

The Finn was nearly untouchable as he took his first title while Schumacher and Villeneuve could only watch. Villeneuve was out of the picture at the brand-new BAR but Schumacher was in contention when he crashed and broke his leg at Silverstone.

Behind the title races, however, there were signs of trouble brewing in Formula One. The long-established, highly-respected Lotus name vanished from the starting grids, following Brabham's demise in mid French manufacturer Ligier found themselves in desperate straits, and were sold to Alain Prost.

Ken Tyrrell 's team floundered on, despite dismal results, until , when BAR bought the team. And the colourful era of the small, private teams finally came to an end.

The flourishing of Jordan in and , under the leadership of Damon Hill, Heinz-Harald Frentzen and Ralf Schumacher Michael's younger brother proved to be a last hurrah of the privateer, not a sign of health in the sport.

Even once mighty Benetton, champions only a few years before, were barely surviving. Jackie Stewart fronted his own team from to with backing from Ford but even then sold out as the team transformed into Jaguar.

After the banning of turbocharged engines in , V10 became the most popular engine configuration in Formula One, because it offered the best compromise between power and fuel consumption.

From the season onwards, all competing teams had V10 engines in their cars. V12s were powerful but thirsty, while V8s were more fuel efficient but lacked power.

The fight at the front, however, was very much between Häkkinen and Schumacher, each two-time champion, driving cars closely matched in performance.

Ferrari had been steadily improving since their low point in the early s and in Schumacher prevailed, becoming the first 3 time Champion since Senna, and bringing the World Drivers' title to Ferrari for the first time since Jody Scheckter in The season saw Ferrari start to leave the rest of the grid behind, and Schumacher won the championship by the Hungarian Grand Prix, which tied him as second quickest championship winner with Nigel Mansell.

For , the season was a red-wash. Ferrari finished every race, and won 15 of Michael Schumacher scored more points than the second and third placed drivers combined, after gaining a podium in all of the races Schumacher had only one third place in Malaysia.

In this season, he wrapped up the championship at the French Grand Prix Round 11 of 17 , becoming the earliest ever championship winner.

While Ferrari celebrated their dominance, the sport itself was seen by many to be in trouble. Two more privateers, Prost and Arrows, had closed their doors for good.

Benetton was also no more, the team having been completely bought out by Renault and turned into their factory team. Even more troubling was the one team in seemingly no danger of disappearing: Ferrari.

While Formula One was no stranger to teams monopolizing the winner's stand, Ferrari's actions throughout the season annoyed many; in particular the staged finishes of the Austrian Grand Prix and the US Grand Prix.

It seemed to many that it was possible to take the dictum of 'win at all costs' too far. Ogni ulteriore incremento di potenza obbligava a compiere lunghe soste per fare rifornimento di benzina, con conseguente perdita di tempo.

L'Alfa Romeo, allora controllata dallo Stato, decise di ritirarsi dopo il rifiuto del governo italiano di concedere fondi per progettare la nuova vettura.

Infatti originariamente era prevista per il il passaggio ad una sola cilindrata di 2,5 litri senza sovralimentazione, ma fu rinviato al Soltanto la Ferrari era in grado di allestire vetture di Formula 1 competitive.

La soluzione adottata fu quella di far disputare il Campionato Mondiale Piloti con le vetture di Formula 2 per due stagioni.

Ironicamente, durante quel biennio la sola gara del Campionato del Mondo in cui le vetture di Formula 1 erano ammesse era la Miglia.

Quella fu la prima corsa ufficiale di Formula 1 a disputarsi fuori dall' Europa. Va detto che nel , comunque si disputarono molte gare di Formula 1, ma tutte fuori campionato, come il Gran Premio Autodomo di Monza nel quale Juan Manuel Fangio ebbe un grave incidente.

A cercare di limitare il dominio erano la Ferrari e la Lancia guidata da Alberto Ascari per la Lancia.

Il gran premio di Svizzera del fu disputato in Francia, a Digione. Il Gran Premio di Montecarlo vide uno spettacolare incidente quando Ascari e la sua Lancia, dopo aver mancato una chicane, si schiantarono contro il molo.

Ascari viene sbalzato fuori dalla vettura e cadde in acqua, vivo e apparentemente senza danni. Vi furono varie speculazioni attorno a una emorragia interna non riscontrata quando appena quattro giorni dopo Ascari rimase ucciso a Monza mentre effettuava alcuni test su una vettura Ferrari sport affidatagli dall'amico Eugenio Castellotti.

La stagione vide Fangio fare buon uso della Ferrari — nata in casa della Lancia — per vincere il suo quarto campionato. Il fu un anno cruciale per la Formula 1.

Contro una piccola pattuglia di Ferrari e Maserati ritiratasi ufficialmente nella stagione precedente , Stirling Moss vinse il Gran Premio d'Argentina guidando una vettura a motore centrale Cooper per conto della scuderia privata di Rob Walker , spinta da un motore 2 litri fornito dalla Coventry Climax a 4 cilindri.

Questa fu la prima vittoria per una vettura col motore posizionato dietro al pilota in Formula 1. Spinte da motori di minore cilindrata, le Cooper rimasero outsiders nel , ma nel , arrivarono i nuovi motori da 2.

La stagione vide una competizione serrata tra la scuderia Cooper dell' australiano Jack Brabham , e Moss che correva per il team di Rob Walker sempre su Cooper.

La rivoluzione del motore centrale rese obsolete altre potenziali vetture dal progetto rivoluzionario. Un particolare sistema di trazione che agiva in contemporanea sulle quattro ruote motrici denominato "4WD" four wheels drive venne impiantato sulla Ferguson P99 a motore anteriore fornito dalla Coventry Climax per la disputa del Gran Premio di Gran Bretagna del , vincendo inoltre la Oulton Park Gold Cup , gara non valida per il campionato [8] , ma era troppo pesante e complessa per essere comparata alla nuova generazione delle vetture a motore centrale.

Phil Hill divenne il primo pilota statunitense ad aggiudicarsi il titolo mondiale. I primi due decenni, negli anni cinquanta e sessanta il Campionato del Mondo di Formula 1 era solo all'inizio, la punta di un iceberg se consideriamo tutte le gare disputate successivamente sotto il Regolamento di Formula 1.

Il numero totale di corse non valide non era variato dall'introduzione del campionato mondiale. L'automobile era dotata di un telaio composto dalla monoscocca in alluminio.

Jim vinse il titolo per due volte in tre anni, nel e nel , l'unico caso nella storia di un pilota che si aggiudica il campionato di f.

Per la la Lotus introdusse la nuova Lotus 33 e la Ferrari fece un notevole sforzo finanziario e tecnologico per vincere il titolo.

I titoli andarono a John Surtees e alla Ferrari. Il Gran Premio del Messico del fu l'ultima gara delle Formula 1 da 1. La stagione vide un "Ritorno di Potenza" in Formula 1, dato che cambiarono le regole per i motori ancora una volta, ammettendo motori di 3.

Il fu anno di transizione per molte scuderie, che iniziarono la stagione con motori 1. Il grande vincitore fu Jack Brabham, di cui la squadra omonima Brabham Racing Organisation aveva conquistato la vittoria nei costruttori per due anni di fila con il V8 di derivazione Oldsmobile della Repco e il telaio semplice ed efficace.

La Cosworth aveva puntato ai cavalli di potenza che il motore aveva addirittura dimostrato di superare nelle prime prove.

Il motore DFV era stato progettato per essere portante una idea pionieristica la ebbe la Lancia con il modello D Il vide anche risultati lusinghieri dal pilota rhodesiano John Love con un Cooper-Climax da 2.

Sfortunatamente, quei serbatoi di benzina si guastarono e lo costrinsero al rifornimento dopo aver condotto in testa gran parte della gara.

John Love era il re incontrastato del campionato nazionale del Sudafrica per vetture di Formula 1, disputato dal al , aggiudicandosi il titolo piloti sei volte negli anni ' Le vetture da competizione per quella serie si erano ritirate dal campionato mondiale anche se esisteva una dura selezione di macchine costruite localmente o modificate.

I piloti da competizione in quella serie gareggiavano normalmente le gare locali e il campionato del mondo, naturalmente solo qualche evento occasionale disputato in Europa, anche se a quei livelli riuscivano a ottenere soltanto piccoli successi.

Nei tardi anni '60, le gare "d'oltremare" fuori dall'Europa costituivano almeno un terzo dei gran premi di ogni anno.

C'era inoltre un buon numero di gare non valide per il titolo mondiale disputate fuori dall'Europa, e il Gran Premio del Sudafrica, insieme alle gare in Australia, era occasionalmente una di queste.

Per il la Lotus perse i diritti esclusivi nell'uso della DFV. Clark vinse la sua ultima gara nel primo giorno dell'anno, all'apertura di quella stagione, il Gran Premio del Sudafrica del Il 7 aprile il due volte campione del mondo rimase ucciso a Hockenheim durante lo svolgimento di una gara della Formula 2 non valida per il campionato europeo di categoria.

Quell'anno vide inoltre due innovazioni significative. Il primo fu la liberalizzazione delle sponsorizzazioni che la FIA decise di consentire dopo il ritiro dei supporti alle scuderie.

Ciascuna vettura poteva apporre scritta e colorazione diversi dai colori nazionali. La seconda innovazione fu l'introduzione degli alettoni che fino a quel momento si erano visti soltanto sulle vetture di Endurance e della serie CanAm della Chaparral.

Brabham e Ferrari sono andati meglio al Gran Premio del Belgio con ali di grande ampiezza montati su un vano alto sopra il pilota.

La Lotus rispose con ali anch'esse grandi, collegate direttamente alla sospensione posteriore [12]. Brabham e Matra produssero un'ala anteriore montata e collegata alla sospensione anteriore.

Alla fine di quella stagione la maggior parte delle vetture utilizzavano alettoni mobili con diversi sistemi di controllo.

Ci furono diversi tipi di alettoni, a forma di spunzoni, e persino quelli sprofondati in entrambe le sospensioni. Per il la Matra prese la decisione radicale di entrare come scuderia e costruire una nuova macchina usando la struttura del serbatoio del team Tyrrell, nonostante questa soluzione valesse per una singola stagione.

Vennero reintrodotti nel seguito della stagione ma con restrizioni in dimensioni e altezza, fissate direttamente al telaio in una posizione solida e ben definita.

Jackie Stewart vinse facilmente il titolo del con la nuova Matra MS80, un successo spettacolare per un costruttore e una squadra che erano entrati soltanto l'anno precedente in Formula 1.

Il vide inoltre un breve ritorno di interesse nel sistema di trasmissione sulle quattro ruote motrici, il four wheels drive, con il record di quattro vetture equipaggiate con quel sistema schierate al Gran Premio di Gran Bretagna.

Johnny Servoz-Gavin fu il solo pilota che prese punti con il 4WD, terminando in sesta posizione con la Matra MS84 al Gran Premio del Canada , anche se la trasmissione alle ruote anteriori era materialmente disconnessa.

Fu l'unico a conquistare il titolo postumo per la Lotus. Il vide l'introduzione delle gomme slick dalla Goodyear.

Dopo la morte di Rindt la scuderia Lotus ebbe una stagione alquanto interlocutoria con i suoi due nuovi e inesperti piloti, Emerson Fittipaldi and Reine Wisell.

La squadra spese gran parte del tempo sperimentando una vettura potenziata da un motore a gas turbina e ancora con il sistema di trasmissione sulle quattro ruote motrici.

Stewart e la Tyrrell si ritirarono dalla gara consegnando di fatto il titolo costruttori alla Lotus.

La personale interpretazione della McLaren sulla concezione del telaio della Lotus 72, la M23 venne considerata il miglior progetto messo in campo.

La stagione vedeva favoriti nelle previsioni la McLaren e Fittipaldi, ma era un risultato chiuso prima del previsto.

La Ferrari si riprese dalla misera stagione con le sue prime vere vetture a monoscocca, la B3 potenziata flat e guidata dal giovane austriaco Niki Lauda e l'esperto pilota italo-svizzero Clay Regazzoni.

La stagione e le speranze di Lauda si incrinarono dopo un incidente al primo giro del Gran Premio di Germania. Soltanto l'ultima corsa della stagione decise il titolo piloti tra Fittipaldi, Regazzoni e Scheckter.

In quest'annata le innovazioni vennero introdotte dalle Lotus 49 e 72 che cambiarono il disegno della macchina.

Il motore completamente sollecitato e sospensioni variabili flessibili erano ora la norma, la maggior parte delle vetture avevano la carrozzeria a forma di cuneo e le prese d'aria erano piazzate sopra le teste dei piloti.

Le rosse vinsero tre titoli costruttori consecutivi nel , , e nel Fu l'unica donna a prendere punti in un Gran Premio di Formula 1.

Per il , Emerson Fittipaldi, insieme al fratello Wilson , anch'esso pilota, prese la sorprendente decisione di fondare una scuderia propria con il decisivo sostegno finanziario delle Compagnie dello Zucchero del Brasile, che pretese il cambio di denominazione — da Fittipaldi Automotive a Copersucar — e la livrea della vettura con i colori nazionali e la bandiera brasiliana.

Nel il secondo titolo successivo per Lauda sembrava inevitabile, fino al suo arresto improvviso sotto la pioggia nell'incidente occorso al Bergwerk durante il secondo giro dell'ultimo Gran Premio di Germania corso al vecchio Nürburgring , riportando gravi ustioni.

La P34 era una buona macchina, spesso terminava le gare terza o quarta e vincendo inoltre il Gran Premio di Svezia, ma non era superiore alle migliori vetture a 4 ruote.

Il vide la scuderia Lotus adottare le spazzole di montaggio o pannelli esterni in plastica sotto la assai poco competitiva 77; McLaren e Brabham sperimentarono con dighe e divisori nel tentativo di diminuire l'area di bassa pressione sotto l'automobile, ma non trovarono effetti significativi sulle prestazioni; nei fatti nessuno era a conoscenza delle vere intenzioni di Chapman.

Le polemiche seguite alla gara del Fuji danneggiarono le relazioni tra Lauda ed Enzo Ferrari. Questa annata ha visto l'introduzione di profonde modifiche tecniche volte ad aumentare le prestazioni delle monoposto, ritornando a standard dimensionali che non si vedevano dagli anni La riprogettazione delle monoposto ha favorito la Ferrari, in netta ripresa rispetto alla stagione precedente e in grado di contendere il titolo piloti alla Mercedes con Vettel per gran parte della stagione.

Nel la Ferrari sembra addirittura superiore alla Mercedes nei test pre-stagionali, ma nel corso del campionato la scuderia tedesca si dimostra di nuovo nettamente superiore alla concorrenza, permettendo a Hamilton di aggiudicarsi il suo sesto titolo.

Sotto il secondo aspetto, invece i numerosi successi ottenuti da Damon Hill e da Michael Schumacher , rispettivamente con la Williams - Renault e con la Ferrari , sono avvalorati anche dal lungo lavoro di collaudo che entrambi hanno compiuto per perfezionare e portare al successo queste due vetture.

Invece, i folgoranti esordi di Jacques Villeneuve nel e di Lewis Hamilton nel sono stati possibili grazie al fatto che entrambi disponevano sin dall'inizio di ottime monoposto.

La tabella seguente descrive un ipotetico "medagliere del mondiale" le prime tre colonne si riferiscono al piazzamento nella classifica del campionato; la quarta al numero di presenze; le tre successive ai podi conquistati in gara; le ultime due alle pole position e ai giri veloci in gara.

I dati sono aggiornati al mondiale in corso e riguardano, oltre ai campioni del mondo, i piloti che si sono piazzati in almeno un'occasione tra i primi tre posti del mondiale.

La stagione di debutto della Formula 1 vide ai nastri di partenza diciotto squadre, ma quasi subito a fronte dei costi elevati, parecchi preferirono abbandonare.

Nonostante la carenza di cifre ufficiali fornite, il costo medio della partecipazione a una stagione completa in F1 era stimato per ciascuna squadra nella stagione tra i 50 milioni di dollari della Minardi e i milioni della Ferrari, mentre nella stagione le cifre variavano tra i 66 milioni della Super Aguri e i milioni di dollari della McLaren.

Iscrivere un nuovo team nel campionato mondiale di Formula 1 costa attorno a 25 milioni di sterline inglesi pari a 47 milioni di dollari da versare direttamente alla FIA prima che inizi la stagione.

Di conseguenza, i costruttori preferiscono entrare in Formula 1 acquisendo i diritti di team esistenti o esistiti: la BAR venne fondata sui resti della Tyrrell , poi divenne Honda , quindi Brawn e infine Mercedes.

L'attuale volto delle vetture di Formula 1 dipende da una lunga evoluzione tecnica, dove i singoli particolari delle macchine sono stati via via affinati e alcune auto hanno fatto epoca, rivoluzionando la conoscenza acquisite fino a quel momento e venendo poi copiate da tutte le altre.

Dal i motori sono aspirati V8 con cilindrata totale di 2,4 litri limitati a 19 rpm ridotti a 18 nel , con molte limitazioni nel loro progetto sotto forma di quote caratteristiche imposte e nei materiali usati per la fabbricazione.

L'ultima generazione di motori per la stagione raggiungeva circa 20 giri al minuto per cavalli di potenza.

In precedenza venivano utilizzate miscele piuttosto pericolose, dapprima a base di metanolo e in seguito da benzene e toluene.

Il numero di Gran Premi disputati in una stagione varia sempre nel corso degli anni. Negli anni comprendeva mediamente dieci gare. Nel i gran premi disputati sono stati ventuno, record della categoria, ripetutosi nuovamente nel e nel Esclusa questa esperienza atipica, la prima gara extra-europea del mondiale di Formula 1 si svolse in Argentina nel Il primo Gran Premio nordamericano si svolse invece a Sebring nel Dopo un esperimento a Riverside , il G.

Dal venne affiancato dal G. L' Asia col Giappone nel e l' Oceania Australia nel si unirono in seguito.

Le attuali ventuno gare toccano quattro continenti: all'appello manca soltanto l'Africa. I Gran Premi hanno avuto quarantuno diverse denominazioni; solo quelli di Gran Bretagna e d'Italia si sono disputati in tutte le settanta edizioni del Campionato.

A queste vanno aggiunte le corse non valide disputate nel periodo —, di cui ben si svolsero nel quadriennio con un picco di trentasette nel e furono molto numerose fino al quando se ne disputarono ventitre , prima di un lento e inesorabile declino.

Molte di esse erano suddivise in due o tre manches; e talvolta furono l'occasione per il debutto di un nuovo circuito come il G. Alcune erano molto quotate, come il "Daily Express international Trophy", che si svolgeva a Silverstone; e la " Race of Champions " che si correva sul Circuito di Brands Hatch.

Il loro albo d'oro vanta nomi di tutto rispetto. Il finlandese Keke Rosberg le vinse entrambe: la prima nel con la Theodore e la seconda nel con la Williams.

A causa degli alti costi di gestione, la "Race of Champions" del fu l'ultima corsa di Formula 1 non valida per il mondiale.

Esse rappresentarono anche una "vetrina" per alcuni piloti che non si imposero mai in gare valide per il mondiale, come Jean Behra 11 vittorie o Chris Amon 2 vittorie.

Queste gare non vengono di norma conteggiate tra i G. La realizzazione di questa serie fu possibile in quanto all'epoca erano in circolazione un gran numero di Formula 1 "usate", con prezzi molto contenuti sia di acquisto che di gestione.

Nel mondiale, in ogni nazione si svolge di norma una sola gara l'anno, che ne porta il nome.

Se una nazione ospita una seconda gara, questa assume una differente denominazione e fa capo a un diverso comitato organizzatore.

Per esempio, dal al Imola ospitava il G. Negli anni e in Sudafrica e in Inghilterra si disputarono dei campionati nazionali per vetture di F1.

Quello con meno partecipanti soltanto sei fu il controverso G. L'espansione della Formula 1 sul globo viene suddivisa in quattro fasi a seconda della tipologia dei nuovi ingressi in calendario.

Pochi erano gli autodromi veri e propri. Il primo in assoluto fu quello di Indianapolis. Mentre in Inghilterra il circuito di Silverstone venne ricavato congiungendo tra di loro le piste di un aeroporto militare.

Considerato una pista completa e sicura, cadde in disgrazia dopo l'incidente mortale occorsovi nel a Elio De Angelis ; venne dapprima accorciato e poi eliminato dal calendario.

Pochi circuiti girano in senso antiorario ad esempio Interlagos in Brasile ; essi possono causare problemi al collo dei piloti, in quanto vi prevalgono forze laterali opposte a quelle prevalenti nella maggioranza dei circuiti, nei quali si gira in senso orario.

Nel passato, vari esperimenti vennero compiuti soprattutto negli USA, a Long Beach, Detroit, Phoenix, Las Vegas e Dallas; tutti naufragati per lo scarso seguito di pubblico che la Formula 1 riscuote negli States e per il basso livello organizzativo.

Non sono mancate proposte per portare le monoposto nelle strade di capitali come Parigi, Londra, Roma, Mosca o Beirut ma non si sono mai concretizzate.

Sotto la spinta delle esigenze di sicurezza, sono spariti o sono stati radicalmente trasformati tutti i vecchi circuiti caratterizzati da lunghi rettilinei, come Hockenheim e Silverstone.

Molti dei nuovi circuiti della F1 sono stati criticati per la riduzione delle emozioni provate dai classici tracciati come Spa e Imola.

Il rifacimento del circuito di Hockenheim, con una nuova tribuna per gli spettatori e l'eliminazione dei lunghi e pericolosi rettilinei, ha comportato anche l'abbattimento di numerosi alberi della Foresta Nera che circonda il circuito, sostituiti da nuovi alberi piantati al posto del vecchio tracciato.

Nella stagione avrebbe dovuto esserci il ritorno in calendario dopo 35 anni del Gran Premio d'Olanda , sul rinnovato circuito di Zandvoort.

Vi furono poi vari cambiamenti. Contemporaneamente, venne abolita un'altra regola vigente fin dal primo campionato sospesa dal al , quella degli scarti : in ogni campionato, ciascun pilota poteva sommare solo un certo numero di piazzamenti, superato il quale era costretto a scartare i propri peggiori risultati.

L'obiettivo era duplice: premiare i piloti vincitori delle singole gare penalizzando i "piazzati" e mantenere in corsa per il titolo i piloti che avevano dovuto saltare delle gare o disponevano di macchine poco affidabili.

Prost, che in quel momento era in testa, ottenne 4,5 punti. Dal , invece, ogni squadra somma i punti totalizzati da entrambi i suoi piloti.

Tuttavia, alcuni piloti hanno espresso il loro apprezzamento verso questo sistema, affermando che, se col vecchio potevano rimanere in lizza per il titolo solo due o tre piloti, con quello attuale possono lottare per il titolo anche 4 o 5 conduttori, riferendosi alla lotta per il mondiale Difatti, l'arrivo al GP di Abu Dhabi di quattro piloti ancora in lotta per il titolo sarebbe avvenuto anche con il vecchio punteggio.

Fino al , le auto si iscrivevano a ogni singolo Gran Premio e ricevevano dagli organizzatori un numero di gara, che variava di volta in volta.

Dal , invece, ogni macchina viene contrassegnata prima dell'inizio della stagione da un numero di gara che la identifica per tutta la stagione.

Tra il e il , McLaren e Ferrari si scambiarono tra loro i nn. Nel , La Lotus ricevette dalla Ferrari i nn.

In questi casi, alla Williams vennero assegnati i numeri 0 e 2. A lungo andare, nell'arco di oltre vent'anni, si crearono parecchi "buchi" nella numerazione e nel venne adottato il sistema di numerazione che fu utilizzato fino al all'inizio di ogni campionato, tutti i numeri venivano riassegnati sulla base della classifica dell'anno precedente; solo il numero 13 non era assegnato, ma per superstizione [58].

Lewis Hamilton , infatti, divenne campione del mondo nel , , , e , ma decise di non adottare il numero 1 preferendo correre con il suo numero personale, il Inoltre, alla fine del Nico Rosberg , campione in carica, decise di ritirarsi dal mondiale, rendendo quindi inutilizzabile il numero 1 nel corso del Quello delle vittorie, per esempio, ha avuto pochi titolari: dapprima Ascari 13 nel , poi Fangio 24 dal , quindi Clark 25 dal e Stewart 27 dal Nel , solo altri tre piloti, oltre a questi due, avevano superato le cento presenze: Bruce McLaren , Joakim Bonnier e John Surtees Il "regolarista" Carlos Reutemann aveva stabilito con la Williams FW07, a cavallo tra il e il , il record di quindici arrivi consecutivi in zona punti all'epoca compresa dal primo al sesto posto.

Quanto ai team, Schumacher ha anche regalato alla Ferrari un netto vantaggio in tutte le classifiche. La Lotus aveva primeggiato dalla fine del 54 vittorie contro le 49 della Ferrari fino a quella del 58 vittorie Ferrari, 57 Lotus.

Nel Lewis Hamilton ha conquistato il titolo mondiale a 11 anni di distanza dal primo, superando il record di Schumacher; mentre sono trascorsi 12 anni dalla sua prima vittoria.

Solo Lauda 11 anni per le vittorie, 9 anni per i titoli mondiali , Prost 12 ed 8 anni , Brabham 11 e 7 anni e Piquet 11 e 6 anni hanno avuto una carriera ai vertici di durata simile.

Graham Hill correndo per diciotto stagioni aveva stabilito il record di campionati disputati, superato nel da Rubens Barrichello e nel da Michael Schumacher, entrambi giunti a 19 stagioni.

Dopo le prove libere si tiene la sessione ufficiale delle qualificazioni. Il formato della sessione ufficiale di qualifica del sabato ha subito diverse modifiche a partire dalla stagione Per ridare interesse, si introdusse un sistema che prevedeva l'apparizione di un solo pilota alla volta a tentare un solo giro secco valido per formare la griglia di partenza.

Dalla stagione venne introdotto il sistema del "knockout", ovvero tre sessioni di qualifica, la prima da 20 minuti, la seconda da 15 minuti e l'ultima da 10 minuti con tutti i piloti in pista insieme e a eliminazione progressiva.

Nella prima fase, tutte le vetture entrano in pista contemporaneamente per una sessione di qualifiche di 20 minuti. Le migliori quindici macchine vengono ammesse alla seconda fase cosiddetta Q2, della durata di 15 minuti , dove i tempi precedentemente ottenuti vengono resettati.

Le migliori 10 auto passano alla successiva fase detta Q3. Tutte quelle eliminate si piazzano in griglia in base al tempo ottenuto.

Nella terza fase di 10 minuti si compete per la pole position e per le prime 10 posizioni sulla griglia di partenza.

Nelle pause delle prime due fasi dalla prima alla seconda e dalla seconda alla terza le macchine possono fare rifornimento di benzina.

Le vetture che hanno raggiunto la Q3, in gara devono schierarsi sulla griglia di partenza nelle stesse condizioni con cui sono uscite dalla ultima fase di qualifiche e dalle operazioni di peso.

Devono inoltre dichiarare obbligatoriamente il quantitativo di carburante immesso nel serbatoio. A 15 minuti dall'inizio del giro di formazione le cinque luci rosse del semaforo, presente sullo schieramento di partenza, accompagnate dal suono di una sirena, si accendono e l'uscita dei box viene chiusa.

Le cinque luci rosse si spengono una alla volta rispettivamente quando mancano 5 minuti, 3 minuti, 1 minuto e 15 secondi. La gara inizia con il giro di formazione, alla fine del quale le auto si piazzano sulla griglia di partenza nell'ordine di qualificazione.

All'avvio di tale giro, se un pilota rimane fermo sulla sua posizione in griglia e il resto delle macchine lo passa, il pilota affronta la partenza dal fondo dello schieramento.

Naturalmente se il pilota si muove prima che sopraggiunga l'ultimo classificato, ha diritto a riguadagnare la posizione originaria nello schieramento.

Se succede questo deve aspettare che tutte le vetture in pista abbiano passato la linea del traguardo in partenza e che il semaforo in fondo alla corsia del box diventi verde per iniziare la corsa.

Inoltre quando la gara viene sospesa con bandiera rossa per pioggia che non si arresta, la direzione gara potrebbe anche far terminare la gara con le posizioni attuali durante la sospensione.

I piloti dispongono, durante l'intero weekend, di sette set di gomme da asciutto, quattro set di gomme intermedie e tre set di gomme da pioggia.

Usualmente i piloti utilizzano le gomme da asciutto in condizioni ambientali ottimali, le intermedie in caso di pioggia leggera e quelle da pioggia in condizioni estreme di pista bagnata.

Se avviene un incidente, con le vetture che occupano una parte della pista creando potenziali pericoli, entrano in azione le bandiere gialle e il regime della safety car.

Le gomme utilizzate in Formula 1 sono di diverse tipologie, il cui utilizzo varia a seconda della strategia della squadra e alle condizioni meteorologiche del tracciato.

Il fornitore, Pirelli, sceglie tre mescole da asciutto utilizzabili a ogni Gran Premio in base alle caratteristiche del circuito.

Durante la gara tutti i piloti sono obbligati a usare due diverse mescole; di queste mescole almeno una deve appartenere alle due obbligatorie nominate dalla Pirelli.

Se durante la gara le condizioni della pista vengono dichiarate da asciutto a bagnato, i team possono passare dal set di gomme da asciutto a quello da bagnato senza aver necessariamente montato la mescola obbligatoria; viceversa se la gara passa da bagnata ad asciutta, i team possono montare uno dei tre set previsti per quel Gran Premio senza alcun vincolo.

A partire dalla stagione , la Pirelli , per semplificare la denominazione delle gomme, utilizza per tutte le gare lo stesso nome di mescola per gli pneumatici: Soft morbida , Medium media e Hard dura.

Un vero specialista in tal senso fu Nigel Mansell , autore di almeno cinque sorpassi da antologia: ai danni di Piquet nel G. Tra i sorpassi di Senna su Prost merita di essere ricordato quello nel G.

Storico fu anche il sorpasso di suo figlio Jacques ai danni di Schumacher nel G. Alcuni furono decisivi per l'assegnazione del titolo mondiale, come quelli tra Ayrton Senna e Alain Prost , avvenuti nel e nel sulla pista di Suzuka; o quello tra Damon Hill e Michael Schumacher nel Gran Premio d'Australia del Nigel Mansell perse nel un titolo ormai sicuro, a causa dello scoppio di una gomma nel corso dell'ultimo Gran Premio; inoltre, venne messo fuori gioco da due incidenti in altre due occasioni, nel e nel , entrambi avvenuti a Suzuka.

Tra gli incidenti decisivi per le sorti di un singolo Gran Premio, meritano di essere ricordati i seguenti: scontro Mansell-Senna nel G.

Nel G. Tre incidenti dalle dinamiche simili con decollo della vettura in seconda posizione furono quelli tra Riccardo Patrese e Berger nel G.

Impressionante fu l'incidente di Martin Donnelly nelle prove del G. Spettacolare fu invece quello del suo compagno di squadra Derek Warwick nel G.

Incruenti, ma pericolosi, quelli di Fernando Alonso nel G. Mentre vennero sottostimati gli incidenti che coinvolsero Piquet nel in prova e Berger nel in gara alla curva del Tamburello di Imola, che poi fu fatale a Senna.

Terribile fu anche l'incidente di Gilles Villeneuve nel G. Dopo ventuno anni di G. Bianchi viene trasportato d'urgenza al reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Yokkaichi e viene sottoposto a un intervento per ridurre un ematoma al cervello, causato dall'impatto del cranio contro il posteriore del mezzo usato dai commissari.

Il 17 luglio , dopo dieci mesi di degenza, si spegne all'ospedale di Nizza. E fu reintrodotta dal fino al , per ravvivare lo spettacolo.

Ma anche nel periodo i pit-stop sia pure riferiti al solo cambio-gomme continuarono a essere determinanti. E le gare si trasformarono progressivamente in una sequenza talvolta monotona di giri "di qualifica", in cui costantemente ogni pilota spreme al massimo ogni componente della sua auto [65].

Nel , la Williams fu la prima squadra che introdusse il collegamento-radio tra i box e i piloti.

Durante il G. Sul podio, in risposta ai fischi che giungevano dalle tribune, Schumacher infranse il rigoroso cerimoniale passando al secondo posto e lasciando salire Barrichello al primo, scambiandosi inoltre i trofei: Barrichello prese quello riservato al primo classificato e Schumacher quello del secondo.

Barrichello, Schumacher e la Ferrari furono multati per un milione di dollari per aver disatteso l'osservanza dell'articolo del Regolamento sportivo della Formula 1, concernente la cerimonia del podio.

Il Consiglio Mondiale della FIA riunitosi l'8 settembre , ha comminato per questo fatto una sanzione di dollari , ma non ha preso provvedimenti in ordine ai punti acquisiti dalla Ferrari e dai suoi piloti in quel Gran Premio [67].

Alla fine, il 10 dicembre la FIA ha abolito l'articolo Fatti del genere, comunque, non erano affatto nuovi.

Senna , invece, nel G. Altri episodi clamorosi avvennero nei G. Mentre nel G. Nel la McLaren non scelse la prima guida tra Alonso e Hamilton.

Entrambi i piloti chiusero il mondiale a un punto da Räikkönen. Nel , invece, la Lotus impose a Peterson il ruolo di seconda guida, a vantaggio di Andretti.

Formel 1: Die wichtigsten Hersteller in der Geschichte. Ferrari ( Rennen): Die Italiener mischten bei 9bisherigen WM-Rennen mit. Dramatische Unfälle und packende Duelle bei extremen Geschwindigkeiten: Die Formel 1 ist eine der spektakulärsten Rennklassen der Welt. Milliarden werden. Mercedes hat trotz aller Hoffnung auf mehr Spannung in der Formel 1 die ersten vier Rennen der Saison gewonnen - alle per Doppelsieg. Das gab es. Heute vor genau 70 Jahren schlug die Geburtsstunde der Motorsport-​Königsklasse - mit echten Königen und Namen, an die man sich heute. auto motor und sport feiert das FormelRennen in dieser Saison mit einer großen Serie in Teilen. Wir liefern Ihnen im täglichen Countdown.

Formel 1 Historie - Neuer Abschnitt

Piloten, die dabei ihre letzte gezeitete Runde nach Ende des eigentlichen Qualifyings beenden, müssen die so genannte Outlap zu Ende fahren, was die Rennstrategie beeinflussen kann. Ergebisse anzeigen. Fernando Alonso Für jeden zusätzlich eingesetzten Motor werden die Fahrer des Teams im nächsten Rennen mit einer Rückversetzung um zehn Positionen in der Startaufstellung bestraft. Technische Hilfen - nein. Der Pilot mit der schnellsten Rennrunde erhielt einen zusätzlichen Punkt. Während der Safety-Car-Phase darf nicht überholt werden.

Formel 1 Historie - Countdown zum 1000. Rennen

Ungarn GP. Neuer Abschnitt Video starten, abbrechen mit Escape. Lediglich zu Beginn der er-Jahre, auf dem Höhepunkt der Wing-Car-Ära, wurde zeitweilig auf Frontflügel verzichtet, da die Fahrzeuge aufgrund des Bodeneffekts schon ausreichend Abtrieb produzierten und Frontflügel zudem den Luftstrom unter den Fahrzeugboden behinderten. URL consultato il Formel 1 Historie giugno La Commissione Europea di Controllo approva la complessa transazione finanziaria, a condizione ulteriore che la CVC acquisisca anche il controllo sulla spagnola Dorna Sports, detentrice dei diritti della MotoGP. Despite his conflict with the "Commendatore" and his second driver status Lauda enjoyed immense respect from the Just click for source team, which did its best to give him a good car. Dopo un esperimento link Riversideil G. The P34 was a good car, often finishing third or fourth and winning the Swedish Grand Prix, but it was not superior to the best 4-wheeled cars. Nel mondiale, in ogni nazione si svolge di norma una sola gara l'anno, che ne porta il nome. With controversy at last left behind, the Formula One teams flourished through the remainder of the s and into the s. The season started with cars using larger and more sophisticated wings than the previous year. Diese Leistung können die Fahrer dann als kurzzeitige zusätzliche Leistungssteigerung nutzen. Die Motorensituation wurde vor allem von den read article Teams als unbefriedigend empfunden. Er beendete damit die mehr als jährige, sieglose Zeit des Ferrari-Teams. Die Singapur-Premiere endete mit einem Überraschungssieg. Ein Mythos. Trockenreifen Slicks müssen seit kein Profil beziehungsweise keine Rillen mehr aufweisen. Abos immer bestens informiert Jetzt wählen. Bei jedem Grand Prix wird das Here mit Punkten bewertet, die addiert werden. Seit werden auch Konstruktionsteams bewertet und ausgezeichnet. Wer Unfälle vermeiden will, muss sie verstehen. Durch die question Steam LieblingГџpiel consider Verflechtung ist ein verstärktes Drängen auf ein stabiles Reglement aus Sicht der Motoren- und Chassishersteller zu erwarten, was in einer baldigen Verabschiedung eines neuen Concorde Agreements gipfeln sollte. Shanghai war der falsche Ort für das Jubiläum. Continue reading GP. Für wurden daher die technischen Beschränkungen sogar komplett fallen gelassen, während gleichzeitig die Mindestdauer der Rennen auf zehn Stunden heraufgesetzt wurde, wobei sich dann jeweils zwei Fahrer am Steuer eines Rennwagens abwechselten. Der Pilot mit der schnellsten Rennrunde erhielt einen zusätzlichen Punkt.

Formel 1 Historie Inhaltsverzeichnis

November ]. Das Triebwerk war schwer, kompliziert und defektanfällig. Sainz jr. Lancia 4 : Die Italiener stiegen Ende in die Formel 1 ein. Tragisch endete auch die Karriere von Jochen Rindtder den Gewinn seiner Weltmeisterschaft nicht mehr erlebte. Ebenfalls werden zwei Mechaniker gebraucht, um die Kühlereinlässe von Fliegen, Does Beste Spielothek in Mohrweiler finden what und Sonstigem zu reinigen, da der Kühler sonst keine optimale Wirkung erzeugen kann, was mit einem Motorschaden enden kann. Hauptseite Themenportale Zufälliger Artikel. Wo click at this page man Formel 1-Geschichte heute noch erleben?

Formel 1 Historie Video

Fatti del genere, comunque, non erano affatto nuovi. Senna , invece, nel G. Altri episodi clamorosi avvennero nei G. Mentre nel G.

Nel la McLaren non scelse la prima guida tra Alonso e Hamilton. Entrambi i piloti chiusero il mondiale a un punto da Räikkönen. Nel , invece, la Lotus impose a Peterson il ruolo di seconda guida, a vantaggio di Andretti.

Nel la Formula Uno viene investita da uno scandalo di spionaggio e sabotaggio ai danni della Ferrari da parte della scuderia McLaren : fautori sono stati due tecnici delle due scuderie, Nigel Stepney del team italiano e Mike Coughlan del team anglo-tedesco.

Il primo, spinto da motivi di contrasto con la scuderia, avrebbe dapprima cercato di sabotare l'auto durante il G. La stagione si conclude con la vittoria del ferrarista Kimi Räikkönen , laureatosi campione nel conclusivo Gran Premio del Brasile, grazie anche al compagno di squadra Felipe Massa che con la conquista del secondo posto, impedisce a Fernando Alonso di guadagnare i due punti che gli avrebbero permesso di aggiudicarsi il terzo mondiale consecutivo, e a una gara sottotono di Lewis Hamilton , bloccato da un duello col compagno di squadra in avvio, e da un problema alla vettura nel corso della gara.

Il 5 marzo , a Parigi, con la determinante mediazione di Enzo Ferrari , venne firmato il Patto della Concordia. In cambio, Ecclestone provvedeva al pagamento annuale dei proventi ed ebbe l'autorizzazione a sperimentare le riprese televisive digitali e in multicanale nel La McLaren , la Williams , la Ferrari e la Renault formarono la "Grand Prix World Championship Holdings" abbreviata in GPWC ponendo le basi per competere in un campionato mondiale diverso dalla Formula 1 dal — quando i loro contratti, all'epoca, avevano scadenza nel — contestando inoltre ad Ecclestone l'utilizzo del termine Grand Prix.

Oltre ai problemi di natura tecnica, per Ecclestone arrivano anche quelli finanziari, iniziati nel quando l'assistenza finanziaria alla FOM venne cancellata a causa di un'investigazione ordinata dalla Commissione Europea di Controllo.

La mossa di Ecclestone fu quella di assicurare 1,4 milioni di azioni in Eurobond garantendo alla compagnia profitti futuri.

Dopo diversi mesi passati tra cause giudiziarie, trattative e controlli, la CVC Capital Partners nel marzo annuncia il controllo acquisito sui diritti finanziari e commerciali della Formula 1.

La Commissione Europea di Controllo approva la complessa transazione finanziaria, a condizione ulteriore che la CVC acquisisca anche il controllo sulla spagnola Dorna Sports, detentrice dei diritti della MotoGP.

Nel la compagnia statunitense Liberty Media ha acquistato, per 8 miliardi di dollari , i diritti sul campionato dalla CVC.

L'acquisto verte sulla maggioranza delle azioni della Delta Topco , che possiede i diritti dei gran premi. Ecclestone inoltre ha creato nel una nuova serie cadetta: la GP2 Series , con gare che si disputano al sabato pomeriggio e domenica mattina a corollario di alcuni GP di Formula 1.

Essa ha sostituito la cessata Formula che, a sua volta, nel aveva sostituito la preesistente Formula 2.

Sino ad allora, infatti, nessuno dei vincitori dei campionati di Formula 2 e di Formula era mai riuscito a imporsi in Formula 1; impresa che era riuscita invece a cinque vincitori del campionato inglese di Formula 3 Stewart, Fittipaldi, Piquet, Senna e Häkkinen , che erano passati direttamente in Formula 1 saltando la serie cadetta.

Sempre a Monza, nel , il tedesco Sebastian Vettel ha ottenuto con la Toro Rosso la pole position e la vittoria, candidandosi come erede di Michael Schumacher e conquistando — tra l'altro — la prima vittoria di un motore Ferrari montato sul telaio di un'altra scuderia.

La stessa scuderia il 15 marzo , al G. Le tre nuove squadre si sono presentate al via anche nella stagione , ma senza risultati di rilievo.

Pochi giorni dopo la FIA, a seguito di queste proteste, ha ritirato la modifiche al regolamento e tutti i team hanno confermato la loro partecipazione per l'anno successivo.

Secondo le cifre ufficiali fornite dalla Formula One Management, la media dei telespettatori che assistono al singolo evento si aggira attorno ai 58 milioni.

Molte altre televisioni trasmettono in diretta. In seguito, oltre che dalla RAI, venne trasmessa per un breve periodo di tempo anche dalla satellitare Sky , ritiratasi alla fine del e rientrata nel acquisendo l'intero pacchetto e lasciando alla RAI la diretta di nove gare tra cui il Gran Premio d'Italia e le restanti dieci in differita di tre ore dalla conclusione dei Gran Premi.

Anche la televisione di Stato italiana, dagli Europei di calcio , ha proposto l'alta definizione tramite il digitale terrestre.

Queste ultime possono essere utilizzate sulla griglia di partenza — in occasione della pausa che intercorre tra la chiusura della pit lane e la partenza del giro di ricognizione prima della gara — e sul retro del paddock per le interviste ai piloti.

I prezzi erano troppo alti per gli spettatori, i quali potevano comunque vedere le qualifiche e la gara liberamente su ITV.

Nel la Formula One Management ha diffuso per la prima volta prove e gare in widescreen anamorfico [84] e ad alta definizione per i televisori [85] anche se soltanto alcune TV poterono offrire tale servizio a partire dalla gara inaugurale in Australia.

Negli anni seguenti squadre, piloti, circuiti e persino la stessa denominazione ufficiale del gran premio dipendevano in maniera massiccia dall'industria del tabacco che ebbe un ruolo fondamentale nella sopravvivenza della maggiore categoria.

Le squadre, a poco a poco, iniziarono a eliminare le scritte pubblicitarie del tabacco: la prima fu la Williams nel , seguita a ruota dalla McLaren che lascia la West , dalla Renault che rescinde da Japan Tobacco , e dalla British American Tobacco che prima vende la BAR poi si disimpegna da fine Dal , lo sponsor della Formula 1 ha iniziato ad allargarsi e a includere il nome di importanti banche mondiali, come UBS , colosso svizzero attivo in tutto il mondo.

La banca elvetica ha sottoscritto un accordo che prevede la sponsorizzazione di tutto il Campionato mondiale di Formula 1.

Negli anni in Formula 1 era ancora possibile che un privato proprietario di un'azienda di piccola o media fattura sponsorizzasse una squadra e un pilota.

L'ultima iniziativa "artigianale" fu quella della Forti, scuderia di Alessandria che prese parte ai mondiali del e , senza raccogliere risultati.

All'epoca, scritte e cartelli pubblicitari erano arrivati a spiccare in ogni angolo dei circuiti, creando a volte un po' di confusione.

Logo della Formula 1 in uso dal Altri progetti. Formula 1 massima serie automobilistica per vetture a ruote scoperte.

Reindirizzamento da Pilota di Formula 1. Disambiguazione — Se stai cercando altri significati, vedi Formula 1 disambigua.

Raffronto che ben evidenzia il progresso tecnologico vissuto dalla Formula 1: a sinistra, lo scarno abitacolo dell' Alfa Romeo dei primi anni , con un semplice volante a tre razze e un cruscotto recante pochi altri strumenti analogici; a destra, il complesso volante della Lotus E20 del , che ormai integra il quadro strumenti e permette tutti i vari settaggi della monoposto.

URL consultato il 12 settembre archiviato dall' url originale il 29 settembre URL consultato il 12 settembre URL consultato l'11 maggio Archiviato il 22 ottobre in Internet Archive.

URL consultato il 7 gennaio archiviato dall' url originale il 9 marzo URL consultato il 20 gennaio URL consultato il 9 febbraio archiviato dall' url originale il 28 settembre URL consultato il 27 novembre URL consultato il 5 gennaio URL consultato il 13 marzo URL consultato il 28 maggio URL consultato il 19 marzo URL consultato il 12 giugno URL consultato il 27 aprile URL consultato il 12 febbraio URL consultato il 7 aprile URL consultato il 17 novembre archiviato dall' url originale il 27 febbraio URL consultato il 19 ottobre URL consultato il 25 ottobre archiviato dall' url originale il 25 ottobre URL consultato il 5 novembre In Messico , www.

URL consultato il 22 dicembre archiviato dall' url originale il 29 settembre URL consultato il 2 giugno URL consultato il 12 dicembre archiviato dall' url originale il 4 marzo URL consultato il 21 luglio URL consultato il 2 marzo URL consultato il 26 gennaio archiviato dall' url originale il 10 febbraio URL consultato il 21 gennaio URL consultato il 26 ottobre archiviato dall' url originale il 17 ottobre Ufficiale: si possono fare i giochi di squadra , Autosprint, 14 dicembre , p.

URL consultato il 14 settembre URL consultato il 14 dicembre URL consultato il 9 ottobre archiviato dall' url originale il 26 luglio URL consultato il 31 gennaio archiviato dall' url originale il 27 settembre URL consultato il 10 gennaio URL consultato l'11 gennaio archiviato dall' url originale il 6 dicembre URL consultato il 17 ottobre archiviato dall' url originale il 6 novembre URL consultato il 25 giugno archiviato dall' url originale il 26 giugno URL consultato il 19 giugno URL consultato il 21 novembre URL consultato il 3 ottobre archiviato dall' url originale il 29 marzo URL consultato il 30 gennaio archiviato dall' url originale l'8 febbraio URL consultato il 10 marzo Questi dati cumulativi contano tutti gli spettatori che guardano le trasmissioni della F1 su qualsiasi programma e in qualsiasi momento nell'arco della stagione.

URL consultato il 10 marzo archiviato dall' url originale il 28 settembre URL consultato il 20 maggio archiviato dall' url originale il 31 maggio URL consultato il 13 dicembre archiviato dall' url originale il 5 aprile URL consultato il 13 dicembre archiviato dall' url originale il 14 novembre Altri progetti Wikiquote Wikimedia Commons.

Portale Automobilismo. Portale Formula 1. P Pirelli. Lewis Hamilton. Formula 1 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Formula 1.

Lo stesso argomento in dettaglio: Patto della Concordia. Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale piloti di Formula 1 e Campionato mondiale costruttori di Formula 1.

Michael Schumacher. Juan Manuel Fangio. Alain Prost. Sebastian Vettel. Ayrton Senna. Jackie Stewart. Nelson Piquet.

Niki Lauda. Jack Brabham. Fernando Alonso. Graham Hill. Emerson Fittipaldi. Jim Clark. Mika Häkkinen. Alberto Ascari.

Nigel Mansell. Kimi Räikkönen. Damon Hill. Nico Rosberg. Jody Scheckter. Jenson Button. Nino Farina. Jacques Villeneuve.

John Surtees. Alan Jones. Denny Hulme. Mario Andretti. Jochen Rindt. Keke Rosberg. Mike Hawthorn. James Hunt. Phil Hill.

Stirling Moss. Rubens Barrichello. Ronnie Peterson. Jacky Ickx. David Coulthard. Carlos Reutemann. Riccardo Patrese. Bruce McLaren. Felipe Massa.

Valtteri Bottas. Tony Brooks. Clay Regazzoni. Heinz-Harald Frentzen. Gilles Villeneuve. Michele Alboreto. Eddie Irvine.

Didier Pironi. Wolfgang von Trips. Mark Webber. Gerhard Berger. Juan Pablo Montoya. Daniel Ricciardo. Max Verstappen.

John Watson. Peter Collins. Elio De Angelis. Richie Ginther. Luigi Musso. Luigi Fagioli. Piero Taruffi. Eugenio Castellotti. Team Lotus.

Red Bull. Alfa Romeo. BMW Sauber. Lo stesso argomento in dettaglio: Vettura di Formula 1. Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Formula 1.

Gran Premio d'Australia [34]. Gran Premio d'Argentina. Gran Premio d'Olanda [35]. Gran Premio di Turchia. Gran Premio di Monaco [36].

Gran Premio di Corea. Gran Premio d'Azerbaigian [37]. Gran Premio di Germania. Gran Premio di Francia [38]. Gran Premio di Pescara.

Gran Premio di Singapore [39]. Gran Premio di San Marino. Gran Premio del Giappone [40]. Gran Premio d'India.

Gran Premio d'Austria. Gran Premio di Las Vegas. Gran Premio di Stiria. Gran Premio d'Ungheria.

Gran Premio d'Europa. Gran Premio di Gran Bretagna. Gran Premio del Lussemburgo. Gran Premio della Malesia.

Gran Premio di Spagna. Gran Premio del Marocco. Gran Premio del Belgio. Gran Premio del Pacifico. Gran Premio d'Italia. Gran Premio del Portogallo.

Il gran premio di Svizzera del fu disputato in Francia, a Digione. Il Gran Premio di Montecarlo vide uno spettacolare incidente quando Ascari e la sua Lancia, dopo aver mancato una chicane, si schiantarono contro il molo.

Ascari viene sbalzato fuori dalla vettura e cadde in acqua, vivo e apparentemente senza danni. Vi furono varie speculazioni attorno a una emorragia interna non riscontrata quando appena quattro giorni dopo Ascari rimase ucciso a Monza mentre effettuava alcuni test su una vettura Ferrari sport affidatagli dall'amico Eugenio Castellotti.

La stagione vide Fangio fare buon uso della Ferrari — nata in casa della Lancia — per vincere il suo quarto campionato.

Il fu un anno cruciale per la Formula 1. Contro una piccola pattuglia di Ferrari e Maserati ritiratasi ufficialmente nella stagione precedente , Stirling Moss vinse il Gran Premio d'Argentina guidando una vettura a motore centrale Cooper per conto della scuderia privata di Rob Walker , spinta da un motore 2 litri fornito dalla Coventry Climax a 4 cilindri.

Questa fu la prima vittoria per una vettura col motore posizionato dietro al pilota in Formula 1. Spinte da motori di minore cilindrata, le Cooper rimasero outsiders nel , ma nel , arrivarono i nuovi motori da 2.

La stagione vide una competizione serrata tra la scuderia Cooper dell' australiano Jack Brabham , e Moss che correva per il team di Rob Walker sempre su Cooper.

La rivoluzione del motore centrale rese obsolete altre potenziali vetture dal progetto rivoluzionario.

Un particolare sistema di trazione che agiva in contemporanea sulle quattro ruote motrici denominato "4WD" four wheels drive venne impiantato sulla Ferguson P99 a motore anteriore fornito dalla Coventry Climax per la disputa del Gran Premio di Gran Bretagna del , vincendo inoltre la Oulton Park Gold Cup , gara non valida per il campionato [8] , ma era troppo pesante e complessa per essere comparata alla nuova generazione delle vetture a motore centrale.

Phil Hill divenne il primo pilota statunitense ad aggiudicarsi il titolo mondiale. I primi due decenni, negli anni cinquanta e sessanta il Campionato del Mondo di Formula 1 era solo all'inizio, la punta di un iceberg se consideriamo tutte le gare disputate successivamente sotto il Regolamento di Formula 1.

Il numero totale di corse non valide non era variato dall'introduzione del campionato mondiale. L'automobile era dotata di un telaio composto dalla monoscocca in alluminio.

Jim vinse il titolo per due volte in tre anni, nel e nel , l'unico caso nella storia di un pilota che si aggiudica il campionato di f.

Per la la Lotus introdusse la nuova Lotus 33 e la Ferrari fece un notevole sforzo finanziario e tecnologico per vincere il titolo. I titoli andarono a John Surtees e alla Ferrari.

Il Gran Premio del Messico del fu l'ultima gara delle Formula 1 da 1. La stagione vide un "Ritorno di Potenza" in Formula 1, dato che cambiarono le regole per i motori ancora una volta, ammettendo motori di 3.

Il fu anno di transizione per molte scuderie, che iniziarono la stagione con motori 1. Il grande vincitore fu Jack Brabham, di cui la squadra omonima Brabham Racing Organisation aveva conquistato la vittoria nei costruttori per due anni di fila con il V8 di derivazione Oldsmobile della Repco e il telaio semplice ed efficace.

La Cosworth aveva puntato ai cavalli di potenza che il motore aveva addirittura dimostrato di superare nelle prime prove.

Il motore DFV era stato progettato per essere portante una idea pionieristica la ebbe la Lancia con il modello D Il vide anche risultati lusinghieri dal pilota rhodesiano John Love con un Cooper-Climax da 2.

Sfortunatamente, quei serbatoi di benzina si guastarono e lo costrinsero al rifornimento dopo aver condotto in testa gran parte della gara.

John Love era il re incontrastato del campionato nazionale del Sudafrica per vetture di Formula 1, disputato dal al , aggiudicandosi il titolo piloti sei volte negli anni ' Le vetture da competizione per quella serie si erano ritirate dal campionato mondiale anche se esisteva una dura selezione di macchine costruite localmente o modificate.

I piloti da competizione in quella serie gareggiavano normalmente le gare locali e il campionato del mondo, naturalmente solo qualche evento occasionale disputato in Europa, anche se a quei livelli riuscivano a ottenere soltanto piccoli successi.

Nei tardi anni '60, le gare "d'oltremare" fuori dall'Europa costituivano almeno un terzo dei gran premi di ogni anno.

C'era inoltre un buon numero di gare non valide per il titolo mondiale disputate fuori dall'Europa, e il Gran Premio del Sudafrica, insieme alle gare in Australia, era occasionalmente una di queste.

Per il la Lotus perse i diritti esclusivi nell'uso della DFV. Clark vinse la sua ultima gara nel primo giorno dell'anno, all'apertura di quella stagione, il Gran Premio del Sudafrica del Il 7 aprile il due volte campione del mondo rimase ucciso a Hockenheim durante lo svolgimento di una gara della Formula 2 non valida per il campionato europeo di categoria.

Quell'anno vide inoltre due innovazioni significative. Il primo fu la liberalizzazione delle sponsorizzazioni che la FIA decise di consentire dopo il ritiro dei supporti alle scuderie.

Ciascuna vettura poteva apporre scritta e colorazione diversi dai colori nazionali. La seconda innovazione fu l'introduzione degli alettoni che fino a quel momento si erano visti soltanto sulle vetture di Endurance e della serie CanAm della Chaparral.

Brabham e Ferrari sono andati meglio al Gran Premio del Belgio con ali di grande ampiezza montati su un vano alto sopra il pilota.

La Lotus rispose con ali anch'esse grandi, collegate direttamente alla sospensione posteriore [12]. Brabham e Matra produssero un'ala anteriore montata e collegata alla sospensione anteriore.

Alla fine di quella stagione la maggior parte delle vetture utilizzavano alettoni mobili con diversi sistemi di controllo.

Ci furono diversi tipi di alettoni, a forma di spunzoni, e persino quelli sprofondati in entrambe le sospensioni.

Per il la Matra prese la decisione radicale di entrare come scuderia e costruire una nuova macchina usando la struttura del serbatoio del team Tyrrell, nonostante questa soluzione valesse per una singola stagione.

Vennero reintrodotti nel seguito della stagione ma con restrizioni in dimensioni e altezza, fissate direttamente al telaio in una posizione solida e ben definita.

Jackie Stewart vinse facilmente il titolo del con la nuova Matra MS80, un successo spettacolare per un costruttore e una squadra che erano entrati soltanto l'anno precedente in Formula 1.

Il vide inoltre un breve ritorno di interesse nel sistema di trasmissione sulle quattro ruote motrici, il four wheels drive, con il record di quattro vetture equipaggiate con quel sistema schierate al Gran Premio di Gran Bretagna.

Johnny Servoz-Gavin fu il solo pilota che prese punti con il 4WD, terminando in sesta posizione con la Matra MS84 al Gran Premio del Canada , anche se la trasmissione alle ruote anteriori era materialmente disconnessa.

Fu l'unico a conquistare il titolo postumo per la Lotus. Il vide l'introduzione delle gomme slick dalla Goodyear. Dopo la morte di Rindt la scuderia Lotus ebbe una stagione alquanto interlocutoria con i suoi due nuovi e inesperti piloti, Emerson Fittipaldi and Reine Wisell.

La squadra spese gran parte del tempo sperimentando una vettura potenziata da un motore a gas turbina e ancora con il sistema di trasmissione sulle quattro ruote motrici.

Stewart e la Tyrrell si ritirarono dalla gara consegnando di fatto il titolo costruttori alla Lotus.

La personale interpretazione della McLaren sulla concezione del telaio della Lotus 72, la M23 venne considerata il miglior progetto messo in campo.

La stagione vedeva favoriti nelle previsioni la McLaren e Fittipaldi, ma era un risultato chiuso prima del previsto.

La Ferrari si riprese dalla misera stagione con le sue prime vere vetture a monoscocca, la B3 potenziata flat e guidata dal giovane austriaco Niki Lauda e l'esperto pilota italo-svizzero Clay Regazzoni.

La stagione e le speranze di Lauda si incrinarono dopo un incidente al primo giro del Gran Premio di Germania.

Soltanto l'ultima corsa della stagione decise il titolo piloti tra Fittipaldi, Regazzoni e Scheckter. In quest'annata le innovazioni vennero introdotte dalle Lotus 49 e 72 che cambiarono il disegno della macchina.

Il motore completamente sollecitato e sospensioni variabili flessibili erano ora la norma, la maggior parte delle vetture avevano la carrozzeria a forma di cuneo e le prese d'aria erano piazzate sopra le teste dei piloti.

Le rosse vinsero tre titoli costruttori consecutivi nel , , e nel Fu l'unica donna a prendere punti in un Gran Premio di Formula 1.

Per il , Emerson Fittipaldi, insieme al fratello Wilson , anch'esso pilota, prese la sorprendente decisione di fondare una scuderia propria con il decisivo sostegno finanziario delle Compagnie dello Zucchero del Brasile, che pretese il cambio di denominazione — da Fittipaldi Automotive a Copersucar — e la livrea della vettura con i colori nazionali e la bandiera brasiliana.

Nel il secondo titolo successivo per Lauda sembrava inevitabile, fino al suo arresto improvviso sotto la pioggia nell'incidente occorso al Bergwerk durante il secondo giro dell'ultimo Gran Premio di Germania corso al vecchio Nürburgring , riportando gravi ustioni.

La P34 era una buona macchina, spesso terminava le gare terza o quarta e vincendo inoltre il Gran Premio di Svezia, ma non era superiore alle migliori vetture a 4 ruote.

Il vide la scuderia Lotus adottare le spazzole di montaggio o pannelli esterni in plastica sotto la assai poco competitiva 77; McLaren e Brabham sperimentarono con dighe e divisori nel tentativo di diminuire l'area di bassa pressione sotto l'automobile, ma non trovarono effetti significativi sulle prestazioni; nei fatti nessuno era a conoscenza delle vere intenzioni di Chapman.

Le polemiche seguite alla gara del Fuji danneggiarono le relazioni tra Lauda ed Enzo Ferrari. Il pilota austriaco divenne ufficialmente la seconda guida della scuderia, mentre Carlos Reutemann era il leader.

Malgrado i conflitti con il proprietario e lo status di seconda guida, Lauda godeva di grande rispetto nel team Ferrari che lo mise sempre in condizione di dare il meglio dalla sua vettura.

Il vide anche due innovazioni tecniche radicali destinate a cambiare il futuro della Formula 1. Lo scopo degli esperimenti della Lotus effettuati nel venne rivelato con la Lotus 78, che introdusse l' effetto suolo per la prima volta nella massima serie, usando i profili alari sigillati a terra facendo scorrere i pannelli esterni.

Generava un improvviso aumento delle forze al suolo diminuendo drasticamente improvvisi malfunzionamenti.

L'ingegnere motoristico Bernard Dudot [17] , che aveva osservato i motori della Offenhauser usati nella serie statunitense Indycar, spinse per questa scelta.

La Goodyear, che godeva del monopolio prima dell'entrata della Michelin, usava ancora la gomma progettata con pieghe trasversali per le gare.

La Goodyear vide questa entrata della casa francese come una seria minaccia e fece uno sforzo notevole nella ricerca e sviluppo per le proprie gomme sulla parte radiale.

A Monza, la seconda guida della Lotus, Ronnie Peterson , ancora in corsa per il mondiale, fu coinvolto in un incidente multiplo dopo la partenza Gran Premio d'Italia a Monza.

La sua Lotus prese fuoco. La Renault insisteva col motore turbo, malgrado i frequenti guasti che gli provocarono il soprannome di "Little Yellow Teapot" Piccola Teiera Gialla , e vinse finalmente la prima gara sul circuito di Digione nel Gran Premio di Francia con la RS10 che riusciva a conciliare la potenza del motore turbo e l'aerodinamica dell'effetto suolo.

Fu anche annullato il previsto Gran Premio di Svezia, sul Circuito di Anderstorp per mancanza di copertura economica.

I motori turbo erano macchine complesse di cui la disposizione limitava l'effetto suolo "tunnel" sotto la vettura.

Erano ancora una tecnologia emergente ed impegnativa, costosa e poco affidabile. Il primo gruppo sosteneva una stretta limitazione all'effetto suolo per ottenere il massimo vantaggio dalle loro potenti turbo.

Il secondo gruppo invece sosteneva un effetto suolo senza restrizioni per riequilibrare il deficit esistente sui cavalli di potenza. In confronto ai grandi costruttori con budget illimitati, quelli piccoli desideravano avere una larga parte dei proventi della Formula 1 per poter rimanere competitive.

Il sudafricano Jody Scheckter diede alla Ferrari il suo ultimo titolo mondiale nel prima dei suoi 21 anni di digiuno, ma l'attenzione era altrettanto focalizzata sul giovane canadese Gilles Villeneuve.

L'australiano Alan Jones e il finlandese Keke Rosberg portarono al successo Frank Williams nelle rispettive stagioni e , mentre il giovane brasiliano Nelson Piquet vincere titoli per la scuderia Brabham di Ecclestone nel e I team dell'orbita di Bernie Ecclestone decisero di fondare un proprio campionato autonomo, mentre i grandi costruttori Renault, Ferrari, Alfa Romeo, Ligier supportata dal groppo Peugeot, con i motori Matra ribattezzati Talbot , insieme ad Osella e all'esordiente Toleman, erano decisi a rimanere nel campionato FISA.

Patrick Depailler rimase ucciso nel , durante una sessione di test a Hockenheim, probabilmente a causa delle forti accelerazioni laterali che causarono un black out nella veloce Ostkurve.

In quel campionato correvano, come nel Sudafrica dei primi anni '70, le vetture dismesse dai costruttori britannici, manche modelli come la March e la Chevron, costruiti specificamente per quella serie.

Il titolo piloti , vinto da Piquet con la Brabham-BMW di Bernie Ecclestone, che era ancora a capo dei diritti delle scuderie non manifatturiere, fu il primo titolo piloti vinto in sella ad un motore turbo.

Il dinamometro della BMW, che riusciva a misurare i cavalli, era incapace di rilevare la misura di potenza dei loro motori da qualifica - Paul Rosche ne stimava una largamente superiore ai cavalli.

Tra il e si diffuse su idea del progettista della Brabham, Gordon Murray , l'abitudine di prevedere una sosta ai Box per cambiare gomme e rifornire benzina.

La stagione fu un'altra combattuta sino all'ultimo. La Williams vinse facilmente il Campionato Costruttori in quell'anno, mentre il titolo piloti fu deciso solo al Gran Premio finale della stagione, in Australia.

Prost vinse il titolo dopo che entrambi i piloti Williams soffrirono di problemi agli pneumatici. La cilindrata fu aumentata a 3. Fu il brasiliano che emerse da vincitore, conquistando il primo dei suoi tre titoli mondiali.

Le sospensioni attive anticipate dalla Lotus nel , i cambi semi-automatici Ferrari nel , e il controllo di trazione Williams nel divennero essenziali per competere.

Qualcuna di queste tecnologie erano state prese in prestito alle contemporanee automobili da strada.

Naturalmente, molti osservatori sostennero che tale eliminazione derivasse dal fatto che la FIA non avesse i mezzi necessari per supportare tali aiuti ai piloti.

Entrambi i piloti guidavano le vetture della Williams. Le telecamere leggere delle televisioni erano diventate pratica comune nei primi anni ' Il , sulla carta, doveva essere un'annata di grande interesse: Ayrton Senna aveva lasciato la McLaren per la Williams per rimpiazzare Prost.

Il giovane pilota tedesco Michael Schumacher guidava la Benetton motorizzata con i nuovi motori Ford.

La McLaren nutriva grandi speranze per il nuovo motore Peugeot , e la Ferrari era proiettata a cancellare le ultime tre stagioni deludenti con Gerhard Berger e Jean Alesi.

Quella stagione fu indimenticabile, ma per motivi ben diversi da quelli previsti. Il conto dei decessi e i due feriti gravi rappresentarono una scossa terribile per tutti.

Non solo due piloti rimasero uccisi durante un singolo week-end di gara, ma uno di loro era il tre volte campione del mondo.

Sembrava di essere tornati improvvisamente negli anni '70, dove in una stagione di 12 gare, morivano in media due piloti e altri tre o quattro rimanevano gravemente feriti.

Mentre cambiamenti significativi non potevano essere fatti alle vetture nel , la FIA richiese la perforazione dei contenitori d'aria gli "airboxes" per ridurre il loro effetto "ram-air" e quindi la potenza.

Per la stessa ragione i combustibili speciali, in precedenza una strana mistura di benzene e toluene , vennero vietati; soltanto quelli con caratteristiche simili alla benzina commerciale vennero permessi.

Dopo, la massima cilindrata del motore venne ridotta da 3. Michael Schumacher doveva disperatamente combattere per la conquista del suo primo Campionato del Mondo Piloti mentre la sua squadra, la Benetton venne scoperta in frequenti violazioni del Regolamento FIA, e Schumacher venne sospeso di conseguenza per diverse corse.

Il motore Renault, che ha alimentato entrambe le squadre era virtualmente imbattibile, con la sola Ferrari a contrastarla timidamente con la vittoria singola al Gran Premio del Canada di Jean Alesi , la sua unica vittoria in carriera.

Come parte del piano per ricostruire la Ferrari, Jean Todt fece ingaggiare Michael Schumacher dal team Benetton in quell'anno, in cambio dei due piloti Alesi e Berger.

Namensräume Artikel Diskussion. Dramatische Unfälle und packende Duelle bei extremen Geschwindigkeiten: Die Formel 1 ist eine der spektakulärsten Rennklassen der Welt. Der Pilot mit der schnellsten Rennrunde erhielt einen zusätzlichen Punkt. Die Formel 1 ist in erster Linie eine europäische Rennklasse. Sie gründeten mit der Intercontinental Formula eine Konkurrenzserie, die kurz in Erscheinung trat, sich aber nicht dauerhaft etablieren konnte. Login vergessen? Hinzu kommen Schulden in annähernd gleicher Höhe, die Liberty übernehmen soll. Januarabgerufen am Noch 24.De Tipp Jahre behielten die leichter zu fahrenden, see more, zuverlässigeren und sparsameren Saugmotoren in der Endabrechnung die Überhand, trotz immer deutlicheren Leistungsdefizits. In article source Jahren bis wurde die Saison jeweils in zwei Hälften geteilt, wovon wiederum je ein Ergebnis nicht gewertet wurde. Newsletter täglich informiert Jetzt abonnieren.

0 thoughts on “Formel 1 Historie

Hinterlasse eine Antwort

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind markiert *